Toggle Menu [-]

biografia LUCA BROCCHINI

Published by LucaBrocchini on Thursday, July 19, 2007 - 12:30:05

biografia

occhio.jpg

Giovanissimo studente del liceo artistico di Carrara (1966), contesta l’insegnamento accademico/conservatore di quegli anni e si avvicina ai nuovi movimenti artistici realizzando le prime opere nell’ ambito dell’espressionismo astratto, della pop art e dell’arte povera

Inizia così una originale e personale ricerca che ha i suoi riferimenti principali in Burri, Afro e Baj nel panorama nazionale e in Raushemberg e Kline in quello internazionale.

imballaggio.jpg

L’interesse per le nuove espressioni artistiche lo porta ad allargare i suoi interessi al teatro e al cinema. Alla fine del ’68 è tra gli animatori degli “Incontri cinematografici” di Carrara diretti da Guido Aristarco ai quali partecipano, tra gli altri, Pasolini, Argan, Ferreri, Gregoretti, Frezza.

Nel ’69 si trasferisce a Milano per frequentare l’Accademia di Brera (scuola di scenografia e scultura) ma frequenta più i nuovi ambienti artistici e di avanguardia che le aule accademiche.

totem5.jpg

Sono di quegli anni le esperienze nei teatri OFF e di avanguardia e la partecipazione alla rappresentazione milanese di “Paradise now” del Living Theatre con J. Beck e J. Melina.

vuotoorientefrontex.jpg

I fermenti sociali e politici che avevano in quegli anni Milano come epicentro, lo portano ad affiancare all’attività artistica, l’impegno politico che svolge in prima persona nel Movimento Studentesco della Statale prima e poi, con impegni di responsabilità sempre crescenti, nell’attività politica ed amministrativa di Milano e Varese.

Nel 1980 ritorna a Viareggio dove prosegue la sua esperienza politica.

Parallelamente, sia pure con diversa intensità dati i vari incarichi pubblici ricoperti, prosegue la sua ricerca artistica che, indipendente rispetto alle esigenze del mercato dell’arte, lo porta a sperimentare e rinnovare continuamente i suoi canoni e le sue tecniche espressive.

Quadrato.jpg

La compresenza della componente artistica e di quella politica permette un’osmosi inconsueta e, apparentemente, antitetica. Il progetto e la sensibilità artistica trovano nuove possibilità realizzative nell’ambito dell’attività pubblica così come la ricerca artistica trova sollecitazioni originali dal “concretismo” politico-amministrativo.

Verso la fine degli anni ’90 l’attività artistica viene intensificata con mostre personali, collettive, e la partecipazione a iniziative artistico culturali e organizzazione di eventi come Fermentazioni (percorso di arte contemporanea sulle colline e tra le ville e le fattorie lucchesi e convegno sulla committenza dell’arte contemporanea).

visione.jpg

E’ tra i fondatori di BAU (contenitore d’opere d’arte contemporanea prodotto da un gruppo di artisti versiliesi) e promotore di BAC (centro per l’arte contemporanea).
Sue opere si trovano presso collezioni pubbliche e private in Italia ( Versilia, Milano, Roma, Firenze, Siena, Prato, Rovereto, Verona, Vicenza, Mantova, Monza, Perugia) e all’estero (Lugano, Vienna, Londra, Berlino, Los Angeles, Miami, Emirati Arabi).

90 commenti (2802 views) - Permalink